L'Ateneo ha aderito al contratto nazionale CARE-CRUI con l’editore Wiley. Si tratta di un contratto trasformativo che copre non solo le spese per l’accesso alle riviste della collezione Database sottoscritta dall’Ateneo, ma anche le spese di pubblicazione in Open Access sulle riviste ibride incluse nella collezione sottoscritta, nonché sulle riviste ibride che diventano full Open Access durante la vigenza del contratto: la pubblicazione ad accesso aperto è quindi senza costi aggiuntivi a carico degli autori

Qual è la durata del contratto?

Il contratto copre il periodo dall'01/07/2020 al 31/12/2023. La nuova modalità di pubblicazione è attiva da marzo 2021.

Quali sono i costi coperti dal contratto trasformativo?

Il contratto copre sia i costi per l’accesso alla collezione Database sottoscritta dall’Ateneo, costituita dall’intero catalogo dell’editore, sia i costi per la pubblicazione in modalità Open Access sulle riviste ibride incluse nella collezione stessa e sulle riviste ibride che diventano full Open Access durante la vigenza del contratto, senza costi aggiuntivi a carico degli autori.

Altri eventuali costi di pubblicazione (submission fees, color pages e overlength pages fees, etc.) sono esclusi dalla copertura del contratto.

Quali sono gli autori “eleggibili” che hanno diritto a pubblicare in modalità Open Access senza costi aggiuntivi a loro carico?

Sono “eleggibili” unicamente i corresponding authors formalmente afferenti all’Ateneo alla data di accettazione degli articoli, a condizione che per la sottomissione sia stata utilizzata l’e-mail istituzionale <nome.cognome@unibo.it> o <nome.cognome@studio.unibo.it>.

Sono “eleggibili” anche i corresponding authors a tempo determinato: professori a contratto, ricercatori TD, dottorandi, assegnisti di ricerca, specializzandi, etc.

Wiley prevede che per uno stesso articolo vi siano anche due o più corresponding authors: in tal caso l’autore “eleggibile”, che l’editore definisce “responsible corresponding author”, è colui che segue direttamente la corrispondenza con l’editore e l’intero processo di sottomissione e pubblicazione dell’articolo.

E’ obbligatoria la pubblicazione di articoli in modalità Open Access all’interno del contratto trasformativo?

No. Gli autori hanno la facoltà di decidere se pubblicare o meno in modalità Open Access. 

In quale momento avviene la pubblicazione in modalità Open Access dell’articolo?

Dopo la verifica dell’affiliazione e l’autorizzazione alla pubblicazione da parte dell’Ateneo.

Quali sono le riviste “eleggibili” su cui è possibile pubblicare in modalità Open Access?

Le riviste ibride incluse nella collezione Database sottoscritta dall’Università di Bologna, nonché le riviste ibride che diventano full Open Access durante la vigenza del contratto, accessibili sulla piattaforma Wiley Online Library.

Le riviste che erano già full Open Access al momento dell’entrata in vigore del contratto sono escluse dalla copertura dei costi del contratto trasformativo; in tal caso le spese di pubblicazione restano a carico degli autori.

Consulta la lista 2023 delle riviste ibride “eleggibili”.

Consulta la lista [.xlsx 12 KB] 2023 delle riviste “eleggibili” diventate full Open Access.

Quali sono gli articoli “eleggibili” coperti dal costo del contratto? 

Gli articoli scientifici sottoposti a peer review pubblicati sulle riviste “eleggibili”: Original research articles e Review articles.

L’editore attua un’articolata suddivisione dei contributi scientifici, pertanto all’interno delle due categorie sopra menzionate rientra un numero molto ampio di tipologie: è possibile verificarle in questa lista [.xlsx 17 KB].

Il contratto copre i costi di tutti gli articoli “eleggibili” o solo una parte?

Il contratto copre i costi degli articoli accettati per la pubblicazione fino a copertura del buffer nazionale annuale a disposizione di tutti gli enti che aderiscono al contratto.

In caso di esaurimento del buffer nazionale annuale il costo di eventuali articoli aggiuntivi è a carico dei singoli autori, con uno sconto del 20% sul prezzo di listino.

In caso di utilizzo solo parziale del buffer annuale il residuo non sarà cumulabile con il buffer dell’anno successivo.

Cosa accade in caso di esaurimento del buffer nazionale annuale?

Il contratto copre la pubblicazione in Open Access di un numero limitato di articoli.

In caso di esaurimento della disponibilità l’editore inibisce sulla propria piattaforma la possibilità di richiedere la copertura delle spese di pubblicazione in Open Access tramite il contratto trasformativo, non mostrando più il nostro Ateneo nella lista delle istituzioni che hanno un accordo di questo tipo attivo.

Gli autori possono ovviamente continuare a pubblicare sulle riviste di questo editore, scegliendo se pubblicare in maniera tradizionale, cioè ad accesso riservato, oppure se pubblicare in Open Access coprendo i costi a proprio carico (con uno sconto del 20% sul prezzo di listino).

All’inizio dell’anno successivo sarà attivata la nuova copertura annuale, pertanto gli autori potranno nuovamente pubblicare in Open Access con la copertura del contratto; il nuovo buffer annuale, però, potrà essere utilizzato unicamente per gli articoli accettati nell’anno a cui il buffer si riferisce: non potranno, cioè, essere pubblicati in Open Access con la copertura del contratto articoli accettati l’anno precedente.

Qual è il tipo di licenza con cui saranno pubblicati gli articoli?

La licenza standard è la CC BY. L’autore mantiene tutti i diritti sull’articolo pubblicato che può essere depositato nel repository istituzionale dell’Ateneo (IRIS) e sul sito web personale dell’autore e reso accessibile senza embargo immediatamente dopo la pubblicazione da parte dell’editore.

L’autore può, tuttavia, optare anche per una delle altre licenze Creative Commons consentite dalla rivista su cui avviene la pubblicazione.

Il contratto prevede una clausola Green OA per gli articoli non coperti dal costo del contratto pubblicati su riviste ibride? 

Sì. E’ possibile depositare nel repository istituzionale e/o nel sito web personale dell’autore la versione Author’s Accepted Manuscript (AAM) (post-print) dell’articolo e renderla liberamente accessibile con un embargo di 12 mesi per le riviste STM (Scientific, Technical and Medical) e con un embargo di 24 mesi per le riviste SSH (Social Science and Humanities).

Maggiori dettagli sono reperibili alla pagina predisposta dall'editore.

Su quale piattaforma viene gestito il processo di pubblicazione in Open Access da parte dell’editore? 

Oable.

A chi rivolgersi per richieste di informazioni sul contratto?

Per informazioni, chiarimenti o problemi sul contratto scrivere all’indirizzo dell’, servizio gestito dal Settore AlmaRE dell’Area Patrimonio Culturale. 

Dove trovo informazioni aggiuntive e documentazione sul contratto nazionale CARE-CRUI?